SIMULAZIONE ECOBONUS

Due unità immobiliari, dello stesso proprietario, una di 77 mq a piano per una superficie complessiva di 154 e una di 25 a piano mq per una superficie complessiva di 50 mq. facenti parte di un unico complesso immobiliare con resede autonoma. Fabbricato anni 60, con muratura mista muratura/pietrame, infissi in legno con vetro non camera, impianto di riscaldamento tradizionale con radiatori in alluminio e caldaia non a condensazione.

Dopo la verifica, per l’ottenimento del salto di 2 categorie energetiche, si è previsto, in questo caso un cappotto termico esterno, impianti a pompa di calore e accumulo (pannello solare collegato al boiler di accumulo che interviene per aiutare il generatore di calore integrandolo o in sostituzione dello stesso) e la sostituzione degli infissi, preventivando un costo di ristrutturazione di €. 110.345,00.

La quota in detrazione, mediante super-ecobonus, di questo costo è per l’immobile più grande di €.40.000,00, mentre per quello piccolo di €. 33.822,00, il costo rimanente non rientrante pari a €. 36.523,00 viene ridotto al 50%, usufruendo del bonus ristrutturazione edilizia, ottenendo €.18.261,50.

In questo caso quindi, per una spesa complessiva di €. 110.345,00 la cifra che non si può portare a credito è di €. €.18.261,50

Immobile con tipologia di casa a schiera, composto di accesso dal piano terra, zona giorno al piano primo, camere e servizi al secondo piano e studio al terzo piano. Fabbricato ante 1967, con muratura mista muratura/pietrame, infissi in alluminio con certificazione termica acustica, impianto di riscaldamento tradizionale con radiatori in alluminio e caldaia non a condensazione.

In questo caso dopo la verifica preliminare e le diverse simulazioni per l’applicazione dei bonus abbiamo riscontrato l’impossibilità di applicare il superbonus optando per una soluzione alternativa. 

Si è prevista una ristrutturazione complessiva del fabbricato, rifacimento pavimentazioni, bagni, intonaci interni, rifacimento di porzioni del tetto e di un terrazzo e ripristino delle facciate per un importo complessivo di spesa pari a €. 77.470,00. In questo caso si è applicato il bonus facciate e la detrazione del 50% relativo alla parte di ristrutturazione con il seguente esito. €. 43.235,00 da portare a credito e €.34.235,00 di costi.

Unità immobiliare singola su tre piani di 116 mq, collegata ad un’altra proprietà. Fabbricato ante 1967, con muratura mista muratura/pietrame, infissi in legno con vetro non camera, impianto di riscaldamento tradizionale con radiatori in alluminio e caldaia non a condensazione.

Dalla verifica e dall’esame dello stato di fatto dell’immobile, si è visto che era possibile l’incremento della classe energetica con la realizzazione del cappotto, la sostituzione degli infissi e l’impianto termico con pompa di calore e accumulo (pannello solare collegato al boiler di accumulo che interviene per aiutare il generatore di calore integrandolo o in sostituzione dello stesso). Il fatto di essere collegata ad un altro immobile e avendo una parte interrata ha contenuto la superficie del cappotto ottenendo così una spesa complessiva di €. 57.000,00 delle quali €. 30.000,00 di superbonus, €.15.000,00 di sismabonus per il rifacimento del tetto, con una spesa risultante non a credito per lavori rientranti nella detrazione al 50% di €.6.000,00.

Unità immobiliare singola piano terra di 150 mq, di fabbricato a due piani con resede di proprietà. Anno di costruzione 1980, muratura perimetrale in bozze di cemento con inserti di muratura in laterizio poroton, impianto di riscaldamento tradizionale con radiatori in alluminio e caldaia non a condensazione, infissi in parte in alluminio anodizzato e vetro camera con chiusura esterna a persiane e in parte in legno tradizionale e vetro camera, con avvolgibile e cassonetto non coibentato.

Per raggiungere l’incremento energetico necessita di cappotto, sostituzione parziale degli infissi e cassonetti, e la realizzazione dell’impianto termico con pompa di calore e accumulo (pannello solare collegato al boiler di accumulo che interviene per aiutare il generatore di calore integrandolo o in sostituzione dello stesso). Costo complessivo €.55.000 di cui €.40.000,00 ecobonus, €.15.000,00 ridotta al 50% corrispondente a €.7.500,00.

 

Per qualsiasi dubbio o maggiori informazioni, non esitare a contattarci.

Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo il D.Lgs 196/2003 e il Regolamento UE 2016/679.